Intrecci Creativi – Fotografie

Intrecci Creativi – Fotografie

Quest’anno l’Associazione Fantalica propone a tutti i corsisti un progetto nuovo e fresco: Intrecci Creativi.
Vuole essere un progetto che mette in comunicazione l’ARTE a 360° all’interno dell’associazione: saranno coinvolti quanti più soci possibili per mettere in atto un “effetto domino” che non escluderà nessuno.
Il tema dato e che farà da filo conduttore per ben 6 mesi di lavoro, quest’anno, è: LA CITTA’.
Non una città specifica, ma “la città” che viviamo quotidianamente, la città in un viaggio, la città in un incontro….fatta di strade, persone, edifici e pezzi di cielo sempre diversi.

Il via viene direttamente dai soci coinvolti nei corsi di fotografia di I° e II° liv.

Siamo fieri e orgogliosi di presentarvi le fotografie selezionate che quest’anno ispireranno il progetto.

Annalisa3by Annalisa Lincetto

Eleonora2by Eleonora Borreggine

giulia3by Giulia Zampieri

LUCAby Luca Menegozzo

Luca2by Luca Menegozzo

marcoby Marco Salmaso

MICHELEby Michele Posenato

Paoloby Paolo Zampieri

sara3by Sara Tramarin

andrea2by Andrea Sbettega

 

 

 

 

 

 

Prima lezione dell’Atelier di Fotografia: Eros Emmanuil Papadakis

Prima lezione dell’Atelier di Fotografia: Eros Emmanuil Papadakis

Anche quest’anno i corsisti dell’Atelier di Fotografia dell’Associazione Fantalica, diretti da Edoardo Varotto, hanno cominciato a “scattare”.

Ha posato per loro un nuovo docente: Eros Emmanuil Papadakis.

Impareremo a conoscerlo bene, ma intanto possiamo dirvi che è docente per i corsi di Recitazione Teatrale e di Dizione.

Eros si è diplomato nel 2013 presso l’Accademia Teatrale Città di Trieste e da allora ha cominciato a calcare i palcoscenici di vari teatri, ultimo dei quali il “Theama Teatro + Teatro Safarà” con lo spettacolo “Sognando la Mèrica in pausa caffè“.
Grande successo e grandi applausi.

Dei nostri corsisti invece, che dire?
Che sono grandiosi come sempre e pieni di talento… il resto giudicatelo da voi!

IMG_6907

IMG_6890IMG_6806 by Marika Righetto

IMG_2041IMG_2004IMG_1803by Thomas Maggiolo

DSC_0488_1by Valeriano Cosimi

La fotografia in bianco e nero

La fotografia in bianco e nero

 

Risultati immagini per storia della fotografia

Si dice che la fotografia in bianco e nero sta tornando alla ribalta, ma in realtà è mai passata di moda?

Alle origini la fotografia era forzatamente in B/N: parliamo di fotografia analogica, con pellicole
La fotografia nasce da un’esigenza sociale e culturale di rappresentare
il più realisticamente possibile la natura e le persone calate nella
realtà quotidiana.
Nel 1816 Isidore Niépce ottenne le prime immagini su un foglio di carta trattata con il
cloruro d’argento, ma poiché queste hanno toni invertiti ed egli non riescì a fissarle.
Altra figura fondamentale per le origini della fotografia fu Louis Jaques Mandé Daguerre.
Daguerre continuò le ricerche ed mise a punto un procedimento il cui risultato viene chiamato dagherrotipo.
Si tratta di un’immagine, non riproducibile, impressa su una lastra di metallo, sviluppata con lo iodio e successivamente fissata con sale marino.
Questa tecnica ottenne immediatamente enorme successo.

Immagine correlata

Ma chi si avvicinò sempre di più al risultato finale fu un funzionario delle finanze che risponde al nome di Hippolyte Bayard.
Già da anni egli si dedicava all’azione chimica della luce ed in seguito alla notizia della scoperta del dagherrotipo moltiplica i suoi sforzi fino ad ottenere prima negativi di carta, poi finalmente positivi diretti su carta.

Possiamo tranquillamente affermare cher la fotografia in bianco e nero trasmette ad oggi un’unidea quasi nostalgica: ricorda non solo le vecchie fotografie, ma anche gli albori della televisione.
Ma non è solo questo: il B/N mette in risalto le forme e le varie tonalità del soggetto fotografato, conferisce all’immagine un significato diverso, che a colori potrebbe apparire meno incisivo.

Immagine correlata

Ecco che la fotografia in b/n si presta al meglio nei ritratti.
Molte celebrità, fin dagli esordi, si fecero immortalare dai più grandi fotografi: Steve McCurry, primo fra tutti.
Annie Leibovitz: prima ottenne il riconoscimento per il suo eccellente lavoro come fotografa per la rivista Rolling Stone. Più tardi nella sua carriera divenne fotografo personale per la rivista Vanity Fair.
Lee Jeffries: la sua collezione di ritratti di senzatetto in bianco e nero è unica e sorprendente. Raffigura un barlume di speranza negli occhi dei suoi soggetti.
Irving Penn: nel 1943 divenne assistente di Alexander Liberman, art director della rivista Vogue. Nel 1948 realizzò alcuni servizi per la rivista in Perù, mentre le diverse campagne fotografiche legate al mondo della moda realizzate nel corso degli anni cinquanta gli conferirono la prima fama internazionale.
Ma questi sono solo alcuni dei più grandi fotografi mondiali che hanno imparato a utilizzare la foto in b/n, dando maggiore significato ed espressività al solggetto immortalato.

Vuoi sapere qualcosa di più sulle varie tecniche fotografiche in b/n?
Ecco il posto giusto per te! Clicca qui.

Edoardo Varotto alla Triennale della Fotografia Italiana

Edoardo Varotto alla Triennale della Fotografia Italiana

L’Associazione Culturale Fantalica
è lieta di invitarvi alla

TRIENNALE DELLA FOTOGRAFIA ITALIANA
Fondazione Arte Contemporanea


VENEZIA

PALAZZO CA’ ZENOBIO
Fondamenta del Soccorso 2596 – Dorsoduro

Vernissage 11 novembre ore 16.30

Aperta dal 12 novembre al 9 dicembre 2017
Dalle ore 10 alle ore 18
lunedì chiuso

 

Tra i vari artisti fotografi partecipanti, abbiamo l’onore e il piacere di sostenere Edoardo Varotto: nostro docente da 8 anni per i laboratori di Fotografia.

Edoardo_Varotto corsi fotografia padova

Il suo primo istinto è stato fermare il tempo con un click, per conoscere meglio la realtà: bloccarne il movimento per decifrarla.

Tutto inizia con la “magica” Polaroid che i genitori gli regalano a 12 anni.
Alla sua prima comunione è lui a fotografare gli invitati; poi trascorre l’adolescenza con una pocket appesa alla cintura e due rullini la settimana da stampare.

01_NewYorkers_Edoardo_Varotto_ph

La prima reflex a 18 anni, regalo di un amico del padre che gli insegna ad usarla: “Papà, finché ha potuto, fotografava molto, stampava in casa e teneva sempre in tasca la piccola Rollei che conservo gelosamente”.

A vent’anni arrivano i servizi fotografici: eventi, reportages, matrimoni.
Dopo la laurea in Scienze politiche, presa per far felici i suoi, inizia a fare sul serio.

Nel 2006 con la prima digitale entra in cronaca come fotografo de “Il Mattino di Padova”.
Seguono i primi passi nel mondo della moda, arrivano il primo calendario delle bellezze padovane, i book di attori e modelle, i corsi di Roiter, Franciosi, Segafredo.
Poi nel 2007 entra nella “bottega” di Alberto Buzzanca per imparare i trucchi del mestiere.
Da mito, Alberto diventa suo maestro e oggi condividono lo stesso studio.

Con la maturità professionale arriva il momento di cogliere l’attimo per dargli eternità.
Edoardo vede nel ritratto, da sempre il suo sogno, l’oggetto di ricerca da avvicinare lentamente fino a scioglierlo dalle naturali rigidità per liberarne le intensità espressive; con umiltà, senza retorica o manierismi.
“La foto è ciò che sento, per questo invito chi ho davanti a parlarmi con lo sguardo e con il corpo”.

03_NewYorkers_Edoardo_Varotto_ph

Edoardo Varotto ama la drammaticità del bianco e nero.
Dedica passione alla moda e alla pubblicità, cercando quell’ideale di bellezza e purezza che si nasconde in ogni donna e in ogni uomo.
Il segreto è saperlo svelare.