Nino Migliori – Storia della Fotografia

Nino Migliori – Storia della Fotografia

“Mi racconto attraverso i miei scatti, componendoli come parole di una poesia”

Immagine correlata

Uno dei più grandi fotografi del dopoguerra italiano è Nino Migliori: un fotografo che esprime la sua visione della realtà e del mondo cogliendoli nella loro molteplicità.
Compone immagini e dà voce al proprio punto di vista come fa uno scrittore con le parole, un artista con il colore.Cominciò la sua carriera fotografica nel 1948, armato di una fotocamera Retinette della Kodak. Erano anni strani quelli, anni in cui si respirava la possibilità di riappropriarsi del proprio modo di essere e del mondo.
Prima si viveva con un profondo senso di precarietà. La guerra costringeva tutti a vivere il proprio tempo a ritmo del suono delle sirene degli allarmi, limitandolo con le restrizioni di movimento, angosciato dai rastrellamenti, costretto nel recinto del coprifuoco.

E cosa c’era di più adatto della fotografia? Inquadrava e si impossessava di un frammento di mondo.
“Mi piaceva entrare nell’esistenza che pulsava e la volevo cogliere nella sua molteplicità, nella varietà in cui si manifestava. I soggetti quindi erano i più disparati: il paesaggio, la natura, le foto ricordo legate ai riti famigliari e collettivi e soprattutto la gente, non solo riprendevo direttamente le situazioni e le persone ed entravo in contatto con loro, ma lo facevo anche in modo mediato attraverso i loro gesti e sentimenti, così ho cominciato a fotografare anche i muri.”

Risultati immagini per nino migliori

“La fotografia è un’arte visuale, per cui necessariamente è legata alla storia dell’arte, ma ritengo che soprattutto sia linguaggio, racconto. Questo è il modo a me congeniale per comunicare. Con la fotografia si manifestano idee, opinioni, si narra il proprio punto di vista, si prende posizione e come lo scrittore si esprime attraverso le parole utilizzando la penna piuttosto che la tastiera di un computer, il fotografo usa gli strumenti del mezzo. Col tempo ho radicalizzato questa opinione, quindi penso che il significato e l’importanza di un lavoro sia dato dall’insieme delle fotografie che lo compongono al di là della singola bella immagine, che ovviamente ha un suo valore. Non è certamente il numero che importa, ma la forza data dal loro comporsi; spesso, sempre per fare un paragone con la letteratura, mi piace citare un vero capolavoro poetico come M’illumino d’immenso costruito solo con 4 parole comuni, ma in questa sequenza sono così intense da squarciare infiniti mondi di sensazioni. ”

Tratto da : https://goo.gl/nvyMTF

Volti in luce: scrivere con la luce

Dalla mostra  “VOLTI IN LUCE. STUDI SULLA FIGURA UMANA” il fotografo Edoardo Varotto spiega il lavoro di un anno dell’atelier fotografo dell’associazione Fantalica e come è nata la selezione delle opere esposte.

A3_MOSTRA_VOLTI_DI_LUCE_72Dpi

È noto che fotografare significa scrivere con la luce: la luce per un fotografo è cruciale.

Durante questo atelier è stata studiata la luce non tanto dal punto di vista quantitativo come avviene in un corso di fotografia base, ma dal punto di vista qualitativo. Non ci si è accontentati di avere “la giusta esposizione”: questione che si esaurisce con l’ avere abbastanza luce da riuscire ad illuminare la scena. Ma ci siamo occupati di capire quale tipo di luce offra le caratteristiche migliori allo scopo di dare il giusto valore e il giusto peso comunicativo ai vari elementi presenti nella nostra inquadratura: o per meglio dire a mettere in luce, e nella giusta luce, i protagonisti della storia che si vuole raccoEdoardo_Varotto corsi fotografia padovantare.

Nei laboratori pratici si è sperimentato come il medesimo soggetto possa essere reso più attraente e piacevole, oppure drammatizzato e perfino deliberatamente imbruttito semplicemente modificando il tipo di illuminazione usato. La luce è una componente essenziale dell’attrezzatura di ogni fotografo e, in quanto tale, va considerata come uno strumento da padroneggiare e maneggiare con fantasia.

Saperla “usare bene” significa dare carattere alle proprie fotografie, qualunque scopo comunicativo esse abbiano.

 

Edoardo Varotto

Vai alla pagina dedicata alla mostra VOLTI IN LUCE

 

 

Intrecci Creativi – Fotografie

Intrecci Creativi – Fotografie

Quest’anno l’Associazione Fantalica propone a tutti i corsisti un progetto nuovo e fresco: Intrecci Creativi.
Vuole essere un progetto che mette in comunicazione l’ARTE a 360° all’interno dell’associazione: saranno coinvolti quanti più soci possibili per mettere in atto un “effetto domino” che non escluderà nessuno.
Il tema dato e che farà da filo conduttore per ben 6 mesi di lavoro, quest’anno, è: LA CITTA’.
Non una città specifica, ma “la città” che viviamo quotidianamente, la città in un viaggio, la città in un incontro….fatta di strade, persone, edifici e pezzi di cielo sempre diversi.

Il via viene direttamente dai soci coinvolti nei corsi di fotografia di I° e II° liv.

Siamo fieri e orgogliosi di presentarvi le fotografie selezionate che quest’anno ispireranno il progetto.

Annalisa3by Annalisa Lincetto

Eleonora2by Eleonora Borreggine

giulia3by Giulia Zampieri

LUCAby Luca Menegozzo

Luca2by Luca Menegozzo

marcoby Marco Salmaso

MICHELEby Michele Posenato

Paoloby Paolo Zampieri

sara3
by Sara Tramarin

andrea2by Andrea Sbettega

 

 

 

 

 

 

Prima lezione dell’Atelier di Fotografia: Eros Emmanuil Papadakis

Prima lezione dell’Atelier di Fotografia: Eros Emmanuil Papadakis

Anche quest’anno i corsisti dell’Atelier di Fotografia dell’Associazione Fantalica, diretti da Edoardo Varotto, hanno cominciato a “scattare”.

Ha posato per loro un nuovo docente: Eros Emmanuil Papadakis.

Impareremo a conoscerlo bene, ma intanto possiamo dirvi che è docente per i corsi di Recitazione Teatrale e di Dizione.

Eros si è diplomato nel 2013 presso l’Accademia Teatrale Città di Trieste e da allora ha cominciato a calcare i palcoscenici di vari teatri, ultimo dei quali il “Theama Teatro + Teatro Safarà” con lo spettacolo “Sognando la Mèrica in pausa caffè“.
Grande successo e grandi applausi.

Dei nostri corsisti invece, che dire?
Che sono grandiosi come sempre e pieni di talento… il resto giudicatelo da voi!

IMG_6907

IMG_6890IMG_6806 by Marika Righetto

IMG_2041IMG_2004IMG_1803by Thomas Maggiolo

DSC_0488_1by Valeriano Cosimi